Le prestazioni di una Casa Passiva

Immaginate una casa senza termosifoni ma perfettamente riscaldata. Senza condizionatore ma ugualmente ventilata e fresca. E adesso immaginatela come una tradizionale villetta con i mattoni a vista. Avete appena visualizzato la Casa Passiva, un’abitazione a impatto ambientale zero, capace di auto-generare energia senza produrre un grammo di CO2.

Questo particolare edificio assicura il benessere termico sfruttando la fonte di energia per eccellenza, il sole. La Casa rimane passiva e si limita a ricevere i raggi solari.

Gli apporti passivi di calore – derivati dall’irraggiamento solare e raccolti attraverso le finestre – insieme al calore autoprodotto, sono sufficienti a compensare la dispersione di calore della stagione fredda.

Si genera così un vero e proprio equilibrio termico, che elimina la dipendenza da combustibili fossili come il petrolio.

Il progetto sfrutta fonti alternative per generare energia e materiali specifici per il green building.

La struttura della casa è interamente rivestita con materiali isolanti, che minimizzano la dispersione di calore, serramenti ad alte prestazioni, mentre tutti i collegamenti e i componenti dell’edificio, sia all’interno che all’esterno, sono ermetici.

Il tradizionale impianto di riscaldamento è sostituito da un sistema di ventilazione ad alta efficienza, in grado di recuperare l’80% del calore dell’aria in uscita. L’energia necessaria per tutta la casa si ottiene con una pompa di calore, pannelli solari e fotovoltaici, impianti non inquinanti che riscaldano anche l’acqua.

La Casa Passiva è quindi sostanzialmente un edificio che consuma pochissima energia sia per il riscaldamento sia per il raffreddamento, fornendo di conseguenza un elevato livello di comfort. Una casa caratterizzata da un’ eccezionale efficienza energetica, con basso consumo energetico ed elevato potenziale di isolamento termico; così efficiente dal punto di vista energetico che consente un risparmio fino al 90/95 % dei costi di riscaldamento.

Una Casa Passiva è un edificio definito scientificamente e che deve rispettare dei parametri ben precisi, riassumibili nei seguenti criteri e valori:

  • indice del fabbisogno energetico per riscaldamento ≤ 15,4 kWh/m²a
  • indice del fabbisogno energetico per raffrescamento sensibile ≤ 15,4 kWh/m²a
  • temperatura superficiale interna minima involucro fuori terra ≥ 17,0°C
  • temperatura superficiale interna minima del pavimento ≥ 18,5°C
  • temperatura superficiale interna massima ≤ 29,0°C
  • frequenza di ore surriscaldate ≤ 10%
  • tenuta aria ≤ 0,64 h-1; edificio bilanciato (DV ≤ 10%)
  • rendimento effettivo impianto di ventilazione ≥ 75%
  • con consumo elettrico ventole ≤ 0,45 Wh/m³.
Condividi:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Email this to someonePrint this page

Resta aggiornato:

Iscriviti alla newsletter di Schulz per ricevere sempre nuovi contenuti...