Fate attenzione agli spacciatori di falsa sicurezza!

Sempre più aziende produttrici o rivenditori di finestre utilizzano in modo anomalo, o volutamente scorretto, la definizione “Finestre Certificate Antieffrazione in Classe…”

Se stai cercando un produttore a cui affidare la fornitura e la posa in opera per le tue Finestre Blindate ti consiglio di leggere attentamente questo articolo. La normativa di riferimento che classifica i serramenti in Classi di resistenza antieffrazione è la
UNI ENV 1627

Questa norma è molto restrittiva e spinge al limite la resistenza della finestra blindata.
Nella realtà non sarà mai possibile riprodurre, con gli strumenti normalmente a disposizione durante un tentativo di scasso per furto, la stessa forza che viene applicata nei test di laboratorio.

Il problema della “definizione scorretta” è relativo a due questioni, che ora ti spiego nel dettaglio.

  • 1.
    Primo problema è che il “produttore o rivenditore scorretto”, annuncia che le sue finestre sono “certificate in Classe antieffrazione RC2 o RC3 solo perché il produttore della ferramenta che sta usando, afferma che “con la ferramenta del tipo… potrai ottenere la certificazione in Classe RC2 o RC3 antieffrazione”.
    In sostanza la certificazione non esiste, esiste solo un componente “dell’insieme finestra” che è stato studio per arrivare a quel limite prestazionale, ma la finestra non è stata certificata.
    E questa è una situazione grave, assimilabile alla frode in commercio, perché viene venduto un prodotto spacciandolo per prestazioni che non ha.
    E’ importante richiedere sempre la certificazione!
  • 2.
    Devi sapere che quando abbiamo eseguito i vari Test antieffrazione sulle nostre porte e finestre blindate, l’ente notificato ci ha (ovviamente) fornito tutta la documentazione ufficiale relativa al test eseguito. Qual è il problema?
    Il problema sta nei “Criteri di trasferibilità” dei risultati di prova.
    La normativa infatti impone delle restrizioni assolutamente limitanti per poter utilizzare e certificare finestre di dimensioni diverse da quelle testate.
    Senza entrare nel “tecnico”, ho deciso di farti vedere una delle pagine relative alla documentazione del fascicolo di prova del Test Antieffrazione che abbiamo eseguito; in questa immagine puoi notare come siano evidenziati i vincoli di trasferibilità della certificazione:

¯¯Attenzione agli spacciatori di sicurezza!.docx

Perché ti ho fatto vedere questo particolare?
Perché nella nostra Azienda ci siamo stancati di dover “smontare” tutti i giorni le false dichiarazioni che vengono sventolate dai nostri concorrenti; i “venditori” della maggior parte delle aziende produttrici di Finestre “finto Blindate” fanno leva sulla disinformazione del cliente e sulla complessità della normativa.
Questo si traduce in una frase che viene utilizzata per vendere i loro serramenti:

“Le nostre finestre sono TUTTE Certificate Antieffrazione Classe RC2 o RC3”

La risposta che tu come cliente dovresti dare è la seguente:
“A si? Bene. Fammi vedere TUTTE le certificazioni a riprova che TUTTI i serramenti che devi installare nel mio immobile sono stati testati o rientrano nella tolleranza dimensionale della norma”.

Ti assicuro che in Italia solo il 3-5% dei serramenti venduti come certificati classe RC2 (stima molto ottimistica), non parliamo poi della classe RC3; ben pochi sono idonei a ricevere la certificazione RC3.

Questo vuol dire che sono serramenti non sicuri? Ma assolutamente no. Questo significa però che abbiamo 2 modi di vendere un prodotto ad un cliente:

  • 1. Raccontargli un sacco di balle a nostro favore e fregarlo con le carte,
  • 2. Illustrargli la situazione reale e vendere in modo trasparente un prodotto qualitativamente migliore.

Un esempio.
La settimana scorsa, un potenziale cliente mi ha contattato perché molto interessato ai nostri serramenti SEKUR antieffrazione RC3; una delle cose che mi sono state richieste, è la certificazione Classe RC3 degli stessi.
Devi sapere che in questa richiesta erano presenti:

  • Finestre
  • Portefinestre
  • Traslante
  • Alzanti Scorrevoli.

Se noi ci fossimo comportati come la maggior parte dei produttori di Finestre di sicurezza, avremmo “sbandierato” i nostri certificati a avremmo venduto TUTTE le finestre richieste come certificate Classe RC3.

Abbiamo fatto così? No.

Sarebbe stato più facile? Si.

Schulz ha certificazioni valide per finestre. Portefinestre e traslanti, ma non per le porte alzante scorrevole, quella tipologie non rientrava nella certificazione.

Ho contattato il cliente e l’ho invitato in Azienda per fargli vedere i prodotti e per illustrargli in modo trasparente come funziona il discorso di certificazione delle Finestre Antieffrazione.

Per prima cosa ho portato il cliente a vedere fisicamente i campioni distrutti (utilizzati nei test ufficiali) che custodiamo gelosamente in azienda; questo mi ha permesso di fargli vedere, a livello pratico, quali sono i vantaggi del nostro prodotto e perché sono differenti dai prodotti della concorrenza.

Poi gli ho spiegato al cliente (molto interessato) i punti dolenti della normativa Antieffrazione e quali sono i motivi per cui non potevamo trasferire la certificazione Classe RC3 a tutte le aperture della sua villa.

Ma non solo.
Ho accompagnato il cliente nel nostro stabilimento di produzione e gli ho fatto vedere, spiegandogli i dettagli, come stavamo costruendo un Alzante Scorrevole Blindato per la villa di un cliente di Milano; dandogli le giuste informazioni, questo potenziale cliente si è reso conto di come, pur non potendo trasferirgli la documentazione, avremmo consegnato al nostro cliente un serramento blindato pronto per resistere ad un tentativo di effrazione uguale se non maggiore rispetto ai serramenti che abbiamo certificato in Classe RC3.

Essere trasparenti con i clienti e comunicare in modo corretto come stanno le cose a livello di certificazione è una cosa FONDAMENTALE.

In questo modo, senza sventolare dati fasulli e fare leva sulla poca informazione, ho raggiunto questi obiettivi col mio cliente:

  • Sono “a posto” con la normativa rispettando tutte le leggi in vigore
  • Ho un cliente che si fida di quello che gli comunichiamo
  • Ho un cliente che ha visto con mano che è possibile superare le sue aspettative senza “giocare” con i documenti
  • Ho un cliente soddisfatto che mi sta mandando referenze in modo spontaneo.

Con questo articolo ho cercato di darti qualche spunto su cui riflettere qualora tu stia valutando di installare Finestre Blindate nel tuo immobile¯¯Attenzione agli spacciatori di sicurezza!.docx.

Noi preferiamo trattare i Clienti in modo professionale.

Da oltre 20 anni questo modo di operare ci sta dando ragione e non abbiamo nessuna intenzione di cambiare.

Le finestre della linea Sekur certificate in classe RC3 (WK3) le riconosci da questo adesivo incollato sul vetro.

Condividi:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Email this to someonePrint this page

Resta aggiornato:

Iscriviti alla newsletter di Schulz per ricevere sempre nuovi contenuti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × 3 =